• 1 of 6

  • 2 of 6

  • 3 of 6

  • 4 of 6

  • 5 of 6

  • 6 of 6

illy caffè

Tre moduli minimi unici nella forma ma flessibili nell’ utilizzo. Una superficie ottagonale modellata volumetricamente attraverso tre diversi programmi funzionali declinati sia in positivo che in negativo per ottenere una controforma. Un vassoio rapportato alla scala umana con una naturale propensione a servire il caffè alla città. …il caffè è il punto di partenza per cominciare una qualsiasi attività del quotidiano: prima di iniziare un lavoro o per continuarlo, per riacquistare la concentrazione persa, per ingannare o “assaporare” l’attesa.. Così come in un museo, in un centro storico, nella piazza principale o negli affollati spazi di transito questo “SPAZIO ILLY” definisce i limiti di un “intervallo” fisico nelle traiettorie di vita cittadina. In realtà è un “oggetto di design” aperto, dinamico e comunicativo che diventa spazio di aggregazione urbana per raccogliere nelle sue “pieghe” chi “consuma” liberamente il “rito del caffè”. Linee morbide ma decise, rapidi cambi di direzione disegnano la “silhouette” del banco e delle sedute; un oggetto come segnale forte per delimitare momentanei centri di gravità. Purezza, lucentezza del materiale e forma contribuiscono ad ottenere un insieme avvolgente in cui il rapporto tra corpo e architettura risulta equilibrato e coinvolgente. Alla base del modello tracciato c’è una regola combinatoria che genera differenti sistemi aggregativi. Si vuole stabilire differenti condizioni di utilizzo: come ambiente chiuso quando il modello, accoppiato ad un suo doppio specchiato, si contestualizza in ambiti esterni o come spazio aperto quando lo stesso si inserisce in luoghi riparati.

Project Details

  • illy caffè with arch. Filippo Innocenti
  • competition, 2005

Share This Project